NORMATIVA DI RIFERIMENTO

La normativa di riferimento nell’analisi dei profili contabili di un marchio è costituita dagli articoli 2424 e 2426 del Codice civile e dal principio contabile n. 24 del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e dei ragionieri.

 

In particolare, il Codice civile sancisce che:

“I MARCHI SONO BENI IMMATERIALI E DEVONO ESSERE EVIDENZIATI ALLA VOCE B.I.4. DELL’ATTIVO DELLO STATO PATRIMONIALE, ASSIEME A CONCESSIONI, LICENZE E DIRITTI SIMILI;

 

IL MARCHIO VA ISCRITTO A BILANCIO AL COSTO DI ACQUISTO O DI PRODUZIONE, RETTIFICATO ANNUALMENTE DAL RELATIVO AMMORTAMENTO.”

 

Anche i marchi non registrati possono essere contabilizzati, purché siano oggetto di tutela fondata sul preuso e sempreché possiedano carattere distintivo (“marchio di fatto”). L’assenza di registrazione, tuttavia, è fonte di una minore tutela e ciò dovrebbe riflettersi in una durata inferiore del piano di ammortamento, dato che il periodo in cui il marchio di fatto produce i suoi benefici deve ragionevolmente ritenersi più breve.

 

In ogni caso, l’iscrivibilità del marchio a bilancio è subordinata al fatto che lo stesso sia stato prodotto internamente (produzione interna) o sia stato acquisito a titolo oneroso (acquisto o, limitatamente all’uso del marchio, licenza d’uso)


Dicono di noi


Tuunica
Salve, Vi ringrazio per l’ottimo lavoro. In data odierna ho ricevuto Vs email con avvenuta regist...

Danzatricita’®️
Servizio eccellente, massima professionalità e supporto anche a lavoro finito. Top! ...

Roberto Negro | Kamzan
Quello che mi ha colpito più di ogni altra cosa è stata la cura con la quale lo Studio dell'Avv.to M...

Vedi tutte le Recensioni...

OF COUNSEL



Marchiodimpresa sostiene…





PARTNERS



Cerca

Contattaci