Proprietà intellettuale e regime agevolato di tassazione: il cosiddetto PATENT BOX

Proprietà intellettuale e regime agevolato di tassazione: il cosiddetto PATENT BOX

Si scrive Patent box, si legge detassazione da redditi derivanti da marchi, brevetti e diritti di Proprietà intellettuale

 

Con lo scopo di incentivare la collocazione in ltalia dei beni immateriali attualmente detenuti all’estero da imprese italiane o estere, il mantenimento dei beni immateriali in Italia evitandone la ricollocazione all’estero e di favorire I’investimento in attività di ricerca e sviluppo, è stato implementato il “Patent box”.

 

Si tratta è un regime opzionale di tassazione agevolata dei redditi derivanti dall’utilizzo diretto o indiretto di alcuni diritti su beni immateriali, cioè diritti di proprietà intellettuale, vale a dire:

 

@ software protetto da copyright;

 

@ brevetti industriali concessi o in corso di concessione;

 

@ marchi di impresa registrati o in corso di registrazione;

 

@ disegni e modelli giuridicamente tutelabili;

 

@ processi, formule e informazioni relativi ad esperienze acquisite nel campo industriale, commerciale o scientifico, qualificabili come informazioni segrete e pertanto giuridicamente tutelabili.

 

Le disposizioni del “patent box” prevedono la parziale esclusione dalla base imponibile IRES e IRAP dei redditi derivanti dall’utilizzo dei suddetti diritti di proprietà intellettuale. A regime la detassazione sarà pari al 50% del relativo ammontare. Tuttavia facciamo presente che per il primo biennio di applicazione è prevista una soglia più limitata: per gli anni d’imposta 2015 e 2016 la percentuale di esclusione dal concorso alla formazione del reddito è fissata, rispettivamente, in misura pari al 30% e al 40%.

 

Ad usufruire di tale opportunità possono essere i titolari di reddito d’impresa, per la parte di reddito derivante dall’utilizzo dei diritti immateriali di cui sopra, indipendentemente dalla forma giuridica dell’impresa stessa. Occorre tuttavia tenere presente che la detassazione è condizionata allo svolgimento, da parte delle imprese che ne usufruiscono, di attività di ricerca (anche infragruppo) e sviluppo sui beni immateriali, realizzata internamente oppure attraverso convenzioni con Università ed enti assimilati. Facciamo pure presente che il regime opzionale estende la rilevanza dell’attività di ricerca anche a quella eseguita mediante contratti con società esterne.

 

Infine, in generale si tenga presente che, alla Agenzia delle Entrate è possibile chiedere un ruling per l’approvazione del piano di ricerca e che il reddito detassabile deriva dal rapporto tra le spese di ricerca e i costi complessivi di produzione dei diritti di proprietà intellettuale citati sopra.

 

Per maggiori informazioni e per assistenza sulla predisposizione della documentazione, vi invitiamo a contattarci.

 

 

 

Share Button

Commenti recenti

    Archivi Mensili

    Tag Cloud

    Dicono di noi


    Roberta Pistis
    Gentilissimi, professionali sempre attenti ad ogni esigenza; un ottimo team. Felicissima di avere s...

    Orion Tour SRL
    Sono soddisfattisimo del lavoro che svolge lo studio e l'Avv. Merico . Mi hanno fatto risparmiare...

    ERREPPI
    Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto per la registrazione dei marchi che ci ha permesso in brev...

    Vedi tutte le Recensioni...

    OF COUNSEL



    Marchiodimpresa sostiene…





    Cerca

    Scarica la nostra App Gratuita



    Contattaci