UAMI – Addio ai titoli di Nizza nella domanda di registrazione del marchio

UAMI – Addio ai titoli di Nizza nella domanda di registrazione del marchio

L’UAMI (Ufficio per l’Armonizzazione del Mercato Interno), per i non addetti ai lavori, l’Ufficio per la registrazione dei marchi e disegni comunitari, ha recentemente pubblicato un comunicato per il tramite del quale viene confermata la nuova prassi dell’Ufficio in riferimento alla corretta identificazione dei prodotti e servizi contenuti nella Classificazione di Nizza, ai fini della registrazione dei marchi comunitari.

 

La decisione, che è stata recepita al punto 3.4.1, Part B. del Manuale pratico dell’UAMI, fa seguito della Sentenza pronunciata in data 19 giugno 2012 dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea nella causa C-307/10 (“IP Translator”) che aveva enunciato il principio secondo il quale ” i prodotti o i servizi per cui è richiesta la registrazione devono essere identificati dal richiedente con chiarezza e precisione sufficienti a consentire alle autorità competenti e agli operatori economici di determinare la portata della tutela conferita dal marchio“. In applicazione del suddetto principio, l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi in data 2/5/2013  adottava la comunicazione n.  72814  per il tramite della quale veniva confermato che a far data dal 3 maggio 2013, “il Titolo della Classe di Nizza ed i termini dell’intestazione saranno interpretati letteralmente a meno che non vi sia una dichiarazione recante l’espressa intenzione di voler estendere la protezione a tutti i beni o servizi ottenuti  nell’elenco alfabetico della classe prescelta.”

 

 

D’accordo con le nuove disposizioni regolamentarie italiane e comunitarie, il richiedente la domanda di marchio è quindi tenuto ad indicare analiticamente i prodotti e servizi per i quali intende ottenere la registrazione del marchio. Diversamente, indicando soltanto i titoli generici della classificazione di Nizza, potrà ritrovarsi in possesso di una registrazione che non è in grado di tutelare i prodotti e servizi che effettivamente vengono commercializzati con il marchio nel mercato. Ed ancora, rischio ancora più grave, la non corretta ed analitica indicazione dei prodotti e servizi può comportare il pericolo per il titolare di subire contestazioni relative all’uso del marchio, relativamente ai prodotti e servizi non rivendicati al momento del deposito della domanda.

 

Per maggiori informazioni:

 

Comunicato UAMI – Alicante News – Novembre 2013

 

Manuale pratica UAMI – Parte 3.b – Examination (in inglese)

 

 

 

Share Button

Archivi Mensili

Tag Cloud

Dicono di noi


Azienda Agricola Cappelletto s.s.
Siamo soddisfatti al 100% del lavoro che svolge lo studio e l'Avv. Merico stesso. Sempre disponibili...

Ppiù PRATICHE & PROGETTI CASA
Siamo soddisfattissimi della consulenza. Lo studio ha dimostrato grande professionalità, velocità, c...

Rete Clima
Tutti i marchi collegati al nostro Ente ed alle sue attività sono stati registrati da parte dell'Avv...

Vedi tutte le Recensioni...

OF COUNSEL



Marchiodimpresa sostiene…





Cerca

Scarica la nostra App Gratuita



Contattaci