UAMI – Addio ai titoli di Nizza nella domanda di registrazione del marchio

UAMI – Addio ai titoli di Nizza nella domanda di registrazione del marchio

L’UAMI (Ufficio per l’Armonizzazione del Mercato Interno), per i non addetti ai lavori, l’Ufficio per la registrazione dei marchi e disegni comunitari, ha recentemente pubblicato un comunicato per il tramite del quale viene confermata la nuova prassi dell’Ufficio in riferimento alla corretta identificazione dei prodotti e servizi contenuti nella Classificazione di Nizza, ai fini della registrazione dei marchi comunitari.

 

La decisione, che è stata recepita al punto 3.4.1, Part B. del Manuale pratico dell’UAMI, fa seguito della Sentenza pronunciata in data 19 giugno 2012 dalla Corte di Giustizia dell’Unione Europea nella causa C-307/10 (“IP Translator”) che aveva enunciato il principio secondo il quale ” i prodotti o i servizi per cui è richiesta la registrazione devono essere identificati dal richiedente con chiarezza e precisione sufficienti a consentire alle autorità competenti e agli operatori economici di determinare la portata della tutela conferita dal marchio“. In applicazione del suddetto principio, l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi in data 2/5/2013  adottava la comunicazione n.  72814  per il tramite della quale veniva confermato che a far data dal 3 maggio 2013, “il Titolo della Classe di Nizza ed i termini dell’intestazione saranno interpretati letteralmente a meno che non vi sia una dichiarazione recante l’espressa intenzione di voler estendere la protezione a tutti i beni o servizi ottenuti  nell’elenco alfabetico della classe prescelta.”

 

 

D’accordo con le nuove disposizioni regolamentarie italiane e comunitarie, il richiedente la domanda di marchio è quindi tenuto ad indicare analiticamente i prodotti e servizi per i quali intende ottenere la registrazione del marchio. Diversamente, indicando soltanto i titoli generici della classificazione di Nizza, potrà ritrovarsi in possesso di una registrazione che non è in grado di tutelare i prodotti e servizi che effettivamente vengono commercializzati con il marchio nel mercato. Ed ancora, rischio ancora più grave, la non corretta ed analitica indicazione dei prodotti e servizi può comportare il pericolo per il titolare di subire contestazioni relative all’uso del marchio, relativamente ai prodotti e servizi non rivendicati al momento del deposito della domanda.

 

Per maggiori informazioni:

 

Comunicato UAMI – Alicante News – Novembre 2013

 

Manuale pratica UAMI – Parte 3.b – Examination (in inglese)

 

 

 

Share Button

Commenti recenti

    Archivi Mensili

    Tag Cloud

    Dicono di noi


    Roberta Pistis
    Gentilissimi, professionali sempre attenti ad ogni esigenza; un ottimo team. Felicissima di avere s...

    Orion Tour SRL
    Sono soddisfattisimo del lavoro che svolge lo studio e l'Avv. Merico . Mi hanno fatto risparmiare...

    ERREPPI
    Siamo molto soddisfatti del lavoro svolto per la registrazione dei marchi che ci ha permesso in brev...

    Vedi tutte le Recensioni...

    OF COUNSEL



    Marchiodimpresa sostiene…





    Cerca

    Scarica la nostra App Gratuita



    Contattaci